09/10/2012

Massimo Padova è un ragazzo solare. E’ il titolare della bellissima azienda Riofavara, che sorge in quel di Ispica (RG) ed è praticamente cresciuto in mezzo alle viti. Sin da bambino ha respirato la campagna siciliana ed oggi ha assunto la consapevolezza che il vino è un elemento importante se non vitale della sua esistenza. E meno male diciamo noi! Va di per sé che la zona del ragusano dove sorge il nucleo aziendale è una perla italica per bellezza e suggestioni, se poi a questo aggiungiamo il valore dei vini di Riofavara il quadro è esaltante. Gli appezzamenti sono sei in tutto e sono disseminati nei luoghi più vocati del territorio vinicolo siculo. Massimo ci spiega che è un praticamente dell’agricoltura biologica naturale sostanziale e non quella certificata (che non garantisce nulla e nessuno). Il suo legame con il territorio è cruciale ed ovviamente i vini risentono di questa connotazione fortemente ancorata ai luoghi. Il processo sulle piante è completamente manuale mentre la vinificazione utilizza pressature soffici; controllo della temperatura di fermentazione e macerazione con le bucce a volte fino a completa fermentazione alcolica. Poi i rossi vengono affinati in barriques; l’imbottigliamento avviene senza filtrazioni. Dopo un bel giro in cantina Massimo ci allieta con una stupenda degustazione, avvisandoci che presto sarà disponibile una specifica sala degustazione molto più funzionale. Il primo assaggio prevede il bianco della casa, il Marzaiolo a base di inzolia, greganico e chardonnay (A) un vino elegante e suadente, dalla facile beva e dai molti abbinamenti. Lo Spaccaforno 2009 (A Θ) è un vino molto interessante e molto territoriale, un ottimo Eloro a base di nero d’avola e piccole percentuali di vitigni locali. Il San Basilio 2010 (AA☺) è un supercampione per due ottimi motivi; in primis perché è un bellissimo vino nero d’avola molto centrato e dalla struttura intensa e allo stesso tempo piacevole, e poi perché ha un prezzo fantastico di circa 6/8 euro. Caratteristica questa comune a tutti i vini di RIOFAVARA, che riesce a garantire una eccellente qualità ad un prezzo onestissimo, e per questo motivo Gustocampania assegna alla cantina di Massimo Padova il riconoscimento di : “VIGNERON 2012”. Ma le sorprese non finiscono qui, Massimo ci riserva un regalino finale niente male. Il Notissimo è un moscato di noto dalle caratteristiche spiccatamente territoriali e la versione 2005 (AAA) merita la palma di vino eccezionale. Una scoperta fantastica di una serie limitata di bottiglie che Massimo ci da l’onore e di provare e di conservare con noi. Lasciato invecchiare questo vino si rivelerà una grandissima conferma. Dulcis in fundo l’ultima passione di Riofavara, che come noi oltre ad amare la Borgogna è affascinato dalle bollicine, et voilà il RIOFAVARA 2009 metodo classico (A), elegante e aromatico e molto piacevole. Azienda RIOFAVARA sede ISPICA (RG) 97014 Contrada Favara

News & Eventi

Il vecchio sito della nostra origine "Miuciamaltempo"
https://www.facebook.com/lapioppowinemaster/videos/...
2018 LA PRIMA VOLTA AL PROWEIN DI Düsseldorf
Düsseldorf dal 18 al 20 Marzo 2018 HALL 16 /C41-P35
SICILIAN WINE AWARDS 2016
Sicilian Wine Awards: on 03 November 2016. Pubblicato in...
GOLOSARIA 2017
Le novità che saliranno a Golosaria 2017 I Top Hundred 2017...
Luciano Pignataro wine Blog: Il Moscato di Noto e i vini di Riofavara
"L’azienda RIOFAVARA si trova vicino Ispica ( RG) e a pochi...
La Revue du Vin de France
Vins de Méditerrannée : La Sicile et la Corse, une belle...